Mondoscuola.net - appunti superiori, tesine maturità, appunti medie, appunti università, portale scolastico, musica, cinema, libri, tesine, sintesi e tanto altro

Posteshop
  • Home
  • Medie
  • Superiori
  • Università
  • Dalla Redazione
  • MonExtra
  • Sport
  • Musica
  • Free Time
  • Forum

Utenti online: 47 ospiti e 0 utenti

Back Sei qui: Home Medie Categorie Esame Terza Media Tesina per scuola media: mappa concettuale (Lavoro e progresso)

Tesina per scuola media: mappa concettuale (Lavoro e progresso)

Valutazione attuale:  / 19
ScarsoOttimo 
Scritto da Fabio D
Tesina per scuola media: mappa concettuale (Lavoro e progresso)

Lavoro e progresso sono un connubio indissolubile che fin dagli albori  ha caratterizzato quello che è il mondo lavorativo attuale. La parola progresso deriva dal latino progressus ossia cammino, il che deriva a sua volta da "pro" che significa "avanti" e "gressus" che significa "passo", il che letteralmente vuol dire passo in avanti, miglioramento.

E di miglioramenti nel mondo lavorativo ce ne sono stati tanti, basti pensare che il primo uomo sulla terra svolgeva compiti artigianali, oggi invece è tutto tecnologico. Ma le basi  di questo avanzato progresso tecnologico sono da cercare nella seconda rivoluzione industriale che fu l'epoca degli inventori e del progresso tecnologico. C'è da porre l'accento sulle principali scoperte che si ebbero in questo periodo: l'elettricità e il petrolio.

L'elettricità è stata scoperta dall'americano Thomas Edison, che fu l'inventore della lampadina. E' grazie all'elettricità che si è giunti poi all'invenzione del telefono da parte di Meucci, che fu poi derubato dal brevetto dall'americano Graham Bell.

Visto che due delle importanti invenzioni sono state create in America è lecito definire quest'ultima come "land of inventions" che tradotto significa la terra delle invenzioni.

Ma anche la nostra bella Italia può vantare dei grandi rivoluzionari, come Tommaso Marinetti, che è stato il fautore del Futurismo, movimento nato nei primi del novecento, che elogiava e dava fiducia al progresso.  La nascita del futurismo si ha con la pubblicazione su Le Figaro del Primo manifesto del Futurismo.

Le Figaro non è altro che un quotidiano francese, nato poco dopo il primo quotidiano francese ossia " La presse".

Il quotidiano, oggi noi lo vediamo e lo consideriamo come un mezzo di comunicazione di massa, grazie al quale si è potuta vincere molta ignoranza, che caratterizzava il nostro paese prima della rivoluzione tecnologica, e prima dell'avvento del Verismo. Quest'ultimo fu un movimento letterario si sviluppò tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, e nacque con l'esigenza di diffondere l'interesse sulla questione sociale in generale, ponendo poi l'accento sulle condizione di vita del Meridione.

Il maggiore esponente di questo movimento fu Giovanni Verga!

Il Verga ebbe una concezione dolorosa e tragica della vita. Pensava che tutti gli uomini fossero sottoposti ad un destino spietato c crudele che li condanna non solo all'infelicità e al dolore, ma ad una condizione d'immobilismo nell'ambiente familiare, sociale ed economico in cui sono venuti a trovarsi nascendo.Verga non nega il progresso, ma lo riduce alle sole forme esteriori ed appariscenti; in ogni caso, à un progresso che comporta pene infinite.

La visione verghiana del mondo sarebbe la più squallido e desolata di tutta la letteratura italiana se non fosse confortata da tre elementi positivi.

Secondo elemento positivo è la fede in alcuni valori che sfuggono alla dure leggi del destino e della società: la religione, la famiglia,la  casa, la dedizione al lavoro, lo spirito del sacrificio e l'amore nutrito di sentimenti profondi ma fatto di silenzi, sguardi furtivi e di pudore. Il terzo elemento à la saggezza che ci viene dalla coscienza dei nostri limiti e ci porta a sopportare le delusione.

Alcune volte può capire di non agire con saggezza, preferendo il male al bene,non rispettando proprio quelle che sono le regole del viver civile, ma per chi è cristiano significa non rispettare i 10 comandamenti, ossia le 10 leggi che regolano il comportamento di un buon cristiano.

Come per il cristiano cattolico ci sono i 10 comandamenti, in Italia c'è la Costituzione italiana a dettare le regole del vivere civile e non solo. Infatti, la Costituzione regola i rapporti tra uomo e stato e che lo stato italiano è basato sul lavoro; quindi significa che il lavoro è un diritto inviolabile dell'uomo.

Il lavoro molto spesso è realizzato grazie a diverse fonti di energia che si possono trovare in natura come il carbone, l'acqua, il sole, il vento o possono essere ottenute secondo diverse trasformazioni, come l'energia elettrica o estratte come il petrolio. La produzione di queste ultime, molto spesso, causa tanto inquinamento! Quest'ultimo è molto presente in Cina, il paese molto conosciuto per lo sfruttamento di lavoro a basso costo.

Fino ad ora si è parlato di lavoro nel senso meccanico, ma anche noi tutti i giorni facciamo lavorare il nostro organismo, semplicemente respirando! La respirazione è un gesto apparentemente semplice, eppure è molto complesso perché coinvolge molti muscoli e organi.

E' grazie alla respirazione che noi siamo in grado di vivere, camminare ed anche correre, saltare, muoverci in generale, ed anche svolgere attività fisiche come quelle che caratterizzano le olimpiadi.

Le olimpiadi rappresentano in fin dei conti uno spettacolo di intrattenimento, oltre che di competizione tra i partecipanti, un pò come qualsiasi altra competizione, tipo festival della musica italiana, ossia Sanremo. Durante questa competizione i partecipanti si sfidano a suon di canzoni. Ma questa non è una novità, non solo perché Sanremo esiste da anni, ma perché la stessa canzone è sempre stata presente fin dai tempi di Omero.

 

Per scrivere un commento devi essere registrato

MondoScuola Site Map

Posteshop